Operare con CFDs: vantaggi

I CFDs ( contratti per differenza) sono la nuova generazione di prodotti derivati. Di seguito verranno indicati i vantaggi che rendono i CFDs la miglior opzione per gli investitori di borsa.

Vantaggi

Costo effettivo

Non è necessario pagare un canone per operare nelle differenti borse, sia nazionali che internazionali. A differenza delle azioni, i CFDs non sono soggetti al pagamento di costi perché l’investitore non ne ha la proprietà, e pertanto sono anche esenti da imposte. Inoltre, DIF Broker non addebita alcuna commissione per importi superiori a 5000 euro.

Flessibilità.

Esiste la possibilità di avere posizioni lunghe o, da compratore, e corte, o da venditore. Poiché non si ha la proprietà dei titoli, risulta molto facile venderli o comprarli, il che permette una redditività tanto nel mercati in rialzo che in quelli in ribasso.

Globalità

Con i CFDs è possibile operare in più di 20 mercati e con oltre 5500 differenti CFDs. È possibile vedere tutti i CDFs selezionando il mercato dove è quotato il valore o l’indice verrà indicato anche il margine o la garanzia richiesti.

 

Leva

È possibile muovere maggiori o minori quantità di denaro nel mercato depositando solo una percentuale sulla quantità totale maneggiata.

Esempio: telefonica (TEF, MC):

Quantita’ comprata 3000 cfds
Prezzo per CFD 12.60
Valore totale 3000 x 12.60 = 37.800 euro
Deposito richiesto 37800 x 10%= 3780 euro

PPer aprire questa posizione dovranno essere disponibili come margine iniziale 3780 euro. Si deve notare che il potenziare di perdita e di guadagno si sviluppano in funzione del valore totale e non del deposito iniziale richiesto.

Finanziamento

Per posizioni lunghe, alla quantità effettiva investita, si aggiunge il LIBOR+3 ( per esempio, per una operazione di 10.000 euro, al mese si aggiungono 32 euro). Al contrario, per posizioni corte si dovrà pagare il LIBID -2.5

Dividendi ed eccezioni al diritto di voto

Oltre a riflettere i movimenti di prezzo del soggiacente (titoli fisici o indici), con i CFDs si partecipa alle operazioni di una impresa tramite un conguaglio di denaro il giorno della distribuzione dei dividendi della suddetta impresa (solo nel caso di posizioni lunghe), con le differenza che però non si ha diritto di voto. Il conguaglio monetario inoltre non viene considerato come dividendo (ai fini fiscali, pertanto, non vi è nessuna ritenuta fiscale). Non è però consigliabile utilizzare i CFDs con l’ unico scopo del pagamento dei dividendi, poiché i il Market Maker può impostare una ritenuta diversa.

Nel caso di posizioni corte invece il suddetto dividendo sarà addebitato sul proprio conto, tramite aggiustamenti di prezzo.

Posizione corta

Esempio: Telefonica (TEF. MC). Supponendo un prezzo stabilito tra 12.60/63, e pensando ad un ribasso di questa quotazione viene aperta una posizione corta di 3000 TEF.MC CDFs a 12.60.

Posizione corta di CFDs di TEF.MC

Prezzo di vendita o di apertura 12.60
Numero di CFDs venduti 3000
Margine richiesto 3780 euros

Chiusura della posizione

La posizione chiude 12.50
Numero di CFDs comprati 3000
Guadagno 300 euros

Amplificazione della offerta di posizione corta nei CFDs

Dif Broker ha ampliato l’offerta di prestiti di CFDs su azioni a circa 600 nuovi strumenti. Si tratta di azioni meno liquide che incorporano con l’operazione il pagamento di alcuni interessi aggiunti che in una forma variabile si calcolano con l’apertura della posizione. Quando si voglia aprire una posizione, il cliente sarà capace di vedere il costo stimato di questi interessi quando solleciterà l’apertura della posizione. Il costo di questo interessi verrà addebitato nel conto nella stessa maniera in cui abitualmente si addebitano gli interessi dei CFDs a fine del mese e nella piattaforma DIF Freedom, alla sezione CFDs, verrà indicata la possibilità di Vendere a breve, assieme al tasso di prestito aggiunto per aprire i nuovi CFDs.

Gestione del rischio

Permette una operatività ed un controllo automatico degli ordini di mercato che si trovino al limite della perdita ( stop, stop if bid, stop if offer), o necessitino di ulteriori garanzie ( limit), così come ordini di entrata (limit) e con condizioni (OCO).

Vendita a breve termine di CFDs

Quando si vende a breve un CFDs si è soggetti alle regole del paese dove il mercato ha luogo. Per esempio:

Per i CFDs australiani, è possibile sperimentare limitazioni nella quantità di CFDs con i quali è possibile operare a breve termine in un giorno a causa della limitata richiesta di disponibilità del mercato. Quando si vende a breve un CFD, si può essere costretti a chiudere una posizione se il proprio CFD è ritirato dal mercato. Il rischio è particolarmente alto se si ha difficoltà a prendere in prestito le azioni a causa della fine della società, i dividendi, offerte in opzione (e di altre operazioni di fusione e acquisizione) o aumento della vendita d fondi hedge delle azioni.

Per operare con prodotti del mercato si raccomanda, oltre al buon giudizio, una conoscenza del prodotto e del mercato in accordo con il proprio patrimonio. Si richiede un controllo costante delle posizioni aperte da parte del cliente, a meno che questo non abbia posto uno stop. Le operazioni che comportano un alto rischio dovuto al grado di esposizione dovranno essere gestite adeguatamente, considerando che le dinamiche del mercato possono trasformare rapidamente un beneficio in una perdita.

Per operare con prodotti del mercato si raccomanda, oltre al buon giudizio, una conoscenza del prodotto e del mercato in accordo con il proprio patrimonio.
Si richiede un controllo costante delle posizioni aperte da parte del cliente, a meno che questo non abbia posto uno stop.
Le operazioni che comportano un alto rischio dovuto al grado di esposizione dovranno essere gestite adeguatamente, considerando che le dinamiche del mercato possono trasformare rapidamente un beneficio in una perdita.